Georgia e Armenia in camper

Paesaggi splendidi e architetture dimenticate

21 aprile – 24 maggio 2019

Georgia e Armenia in camper… Viaggio di grande interesse culturale e paesaggistico che resterà nel cuore di chi vuole conoscere una cultura antichissima e affascinante attraverso il Caucaso. Dalla Georgia, paese ospitale e accogliente, ricco di storia, bellezza e fede alle suggestive chiese scavate nella roccia in Armenia, alla scoperta di luoghi di fede antica, monasteri e chiese che aprono la mente e lo spirito… Le singole attrazioni della regione valgono un viaggio, ma noi le potremo scoprire con un unica avventura…

In breve

Un viaggio in camper attraverso una terra di una bellezza rara e popolata da persone ospitali e cordiali che sembrano vivere in un epoca lontana dai giorni nostri. Un viaggio alla scoperta del Caucaso attraverso aspri paesaggi e verdi vallate, dove sorsero grandi monasteri rupestri e imponenti cattedrali del primo periodo cristiano.

Documenti necessari

  • Passaporto con almeno 6 mesi di validità residua e con almeno 2 pagine libere
  • Libretto di circolazione
  • Delega notarile se il mezzo è intestato ad una persona non presente nel viaggio
  • Carta verde assicurativa
  • Patente italiana e Patente internazionale

Programma di viaggio Georgia e Armenia in camper

Ritrovo presso il porto di Ancona, partenza nave prevista alle ore 14:00. Pernottamento a bordo in cabina doppia interna di 1°classe con servizi. Giornate di trasferimento autostradale con pernottamenti liberi. Possibilità di incontrarsi direttamente a Igoumenitsa, ad Alessandropoli o al confine con la Turchia qualora si desideri partire da porto diverso o effettuare il viaggio via terra.

Attraversando la regione del Mar Nero, proseguiamo il viaggio in direzione di Sumela. Pernottamento in campeggio.

Raggiungiamo il Monastero di Sumela del XIV secolo, situato su di una roccia in una valle di fronte ad una gola profonda 270 metri, ad un’altitudine di 1300 metri. Questa chiesa con all’interno le antiche abitazioni dei monaci, è ricoperta dentro e fuori da bellissimi affreschi risalenti ai secoli XIV e XVIII. Nel pomeriggio ripartiamo per il confine con la Georgia. Svolte le pratiche doganali, raggiungiamo Batumi, che dista soli 18 km dal confine, una città subtropicale che si affaccia sul Mar Nero e offre uno scenario tipicamente esotico, con palme, alberi di limoni, arance e oleandri. Pernottamento in parcheggio a Batumi (TIR Park con possibilità di caricare e scaricare acqua, elettricità, WC).

Trasferimento dal giardino botanico al centro della città. Passeggiata a Batumi dove ci aspettano: la statua di Medea, la statua mobile di Ali e Nino, i due amanti sfortunati, la torre dell’alfabeto georgiano, la Fontana del Nettuno, il quartiere vecchio, il porto ecc… Visita alla Fortezza di Gonio e al giardino botanico, tra i più importanti al mondo per varietà di piante. Pranzo libero. Eventuale tempo libero. Pernottamento in parcheggio a Batumi con servizi.

Lasciata Batumi, ci aspetta la selvaggia regione dello Svaneti, in passato pericolosa e con strade impossibili, oggi invece fruibile anche in camper. Ammirando paesaggi montagnosi ci trasferiamo da Zugdidi a Mestia, anticamente chiamata Seti. Lungo la strada si ammirano alte montagne e ghiacciai. Anticamente chiamata Seti, a Mestia possiamo visitare una delle tipiche abitazioni delle famiglie Svan, costitruite con una torre di difesa. Le tipiche case-torri, iscritte nella lista Unesco del Patrimonio Mondiale, furono costruite dal 9° al 12° secolo. Pernottamento in parcheggio a Batumi con servizi.

Partiamo in 4×4 con autista e raggiungiamo il magnifico villaggio di Ushguli, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, il più alto villaggio abitato di tutta l’Europa, situato a circa 2.200 m in fondo alla Gola di Enguri, che conserva un complesso di torri di osservazione di epoca medievale e splendide chiese decorate. Qui regnano le alte montagne, le tradizioni antiche e le caratteristiche case-torre. Con le condizioni meteo favorevoli si possono ammirare le vette dei monti Ushba (4700 m), Shkara (5050 m) e Tetnuldi (4852 m). Visitiamo la Chiesa di Lamaria risalente al XII secolo. Pranzo presso una famiglia locale. Rientro a Mestia nel pomeriggio, tempo libero. Pernottamento in parcheggio.

Visita al Museo Etnografico di Mestia. Il piccolo museo mette in mostra una sorprendente selezione di oggetti a testimonianza della storia e delle tradizioni di questa sorprendente regione caucasica: splendide croci cerimoniali, bellissime opere di oreficeria, la storia delle chiese scrigno, autentici forzieri-fortezza dove i re georgiani inviavano le ricchezze del paese per sottrarle alle razzie di mongoli, turchi e mille altri popoli conquistatori. Al termine della visita trasferimento per Kutaisi, la seconda città più grande del paese, nei tempi antichi la città che possedeva il Vello d’Oro. Pernottamento in parcheggio con servizi.

Visita di Kutaisi, antica capitale di Kolchide, famosa per le sue numerose fonti d’acqua, campi verdi e per i monumenti architettonici di indiscusso valore. Visitiamo il Monastero e l’Accademia di Gelati (XII sec) patrimonio dell’UNESCO, la cattedrale di Bagrati (XI sec) e la Chiesa di Motsameta. Tempo libero al Bazaar rionale. Pernottamento in parcheggio.

Percorrendo la Via della Seta raggiungiamo Gori, città natale di Stalin, dove visitiamo il museo a lui dedicato. Lungo il trasferimento visitiamo la città troglodita di Uplistsikhe “la fortezza del signore”, scavata nella roccia e risalente al I° millennio a.C. La città è un complesso antico ed interessante con le dimore, i mercati, le cantine, i forni, il teatro e la chiesa della basilica a tre navate, costruita sulla roccia. Alcune tracce delle carovane sono ancora conservate lungo le colline che si affacciano sul complesso roccioso. Pernottamento in parcheggio.

Raggiungiamo l’antica capitale e centro religioso della Georgia, Mtskheta. Visitiamo il Monastero di Jvari e la Cattedrale di Svetitskhoveli, entrambi dichiarati patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO. Successivamente proseguiamo lungo la Grande Strada Militare Georgiana, tra panorami mozzafiato, con sosta al Complesso di Ananuri (XVII sec). Questa magnifica strada lungo il Fiume Tergi ci porta a Stepantsminda, la città principale della regione, dove ci attendono i 4×4 che ci conucono alla chiesa di Tsminda Sameba (Santissima Trinità) a 2.100 mt di quota. Con un meteo favorevole possiamo ammirare uno dei ghiacciai più alti del Caucaso sul pendio del monte Kazbek un vulcano spento di 5.047 m. Visita al Museo Etnografico di Stepantsminda – Museo Casa Natale di Alexander Kazbegi. Pernottamento in parcheggio a Stepantsminda.

Trasferimento a Tbilisi dove visitiamo la città. Iniziamo con una piacevole passeggiata lungo il Corso Rustaveli, la via più importante della città, su cui affacciano il Municipio, il Palazzo del Viceré, il teatro Rustaveli, il teatro dell’Opera e la sede del Parlamento. Pernottamento in parcheggio.

Giornata dedicata alla visita della capitale della Georgia, con le strade strette, case colorate, diversi quartieri pendenti uno sopra l`altro e capolavori dell’architettura moderna. Visitiamo: la chiesa di Metekhi (XII – XIII sec) e le terme sulfuree con le cupole semicircolari che parzialmente sporgono dal terreno; la fortezza di Narikala (IV – XVI sec); la basilica di Anciskhati, la più antica chiesa di Tbilisi costruita dal fondatore della città; la Cattedrale Sioni (VI-VII sec), dove si conserva la croce della Santa georgiana Nino; Mtatsminda: situata sul monte di Mtatsminda (la Montagna Sacra), simbolo architettonico e artistico di Tbilisi; la cattedrale Sameba, o della Santissima Trinità, una delle chiese Ortodosse più grandi al mondo, e visibile da ogni punto della città. Pernottamento in parcheggio vicino alla chiesa di Metekhi. Cena con spettacolo folkloristico.

Partenza per il monastero di Davit Gareja, uno dei siti storici più notevoli della Georgia, situato in un’area arida, semi desertica, estremamente suggestiva. Visitiamo il monastero Lavra in parte scavato nella roccia. Da qui percorriamo un sentiero in salita che ci conduce a Udabno, un complesso di grotte affrescate risalenti al VI° secolo. Arrivati in cima si gode una vista panoramica e spettacolare delle pianure dell’Azerbaigian e continuando lungo il sentiero a strapiombo sulla valle si raggiungono le grotte una volta abitate dai monaci. In un ambiente surreale, una serie di grotte (purtroppo alcune in pessimo stato) con pareti ricoperte di affreschi testimoniano la presenza in epoche passate di molti religiosi. La solitudine in cui ci appaiono improvvisamente le grotte e la bellezza selvaggia del luogo sarà uno dei ricordi più vividi di tutto il viaggio. Pernottamento in parcheggio a Bodbe.

Raggiungiamo il confine armeno per il disbrigo delle formalità doganali. Inizio del trasferimento con soste al villaggio di Akhtalà per le visite alla chiesa dedicata alla Madonna e ai monasteri di Haghpat e di Sanahin. Questi due complessi sono stati, per molto tempo, importanti centri spirituali e culturali dove vivevano i più famosi politici e artisti armeni e sono anch’essi protetti dall’Unesco. Prima di lasciare il villaggio di Sanahin, breve visita al Museo dei fratelli Mikoyan, dei quali uno fu un politico di altissimo rilievo nella storia dell’Unione Sovietica, mentre l’altro fu l’ingegnere aerospaziale che creò i fantastici cacciabombardieri MIG. Arrivo ad Haghpat nel tardo pomeriggio. Pernottamento in parcheggio.

Ci dirigiamo verso la cittadina di Dilijan, chiamata “la Svizzera armena”. Lungo il percorso effettuiamo la visita dei Monasteri di Haghartzin e di Goshavank situati nella vallata del Fiume Aghtsev. Successivamente raggiungiamo il Lago Sevan (1.900 mt s.l.m.) per la visita al Monastero di Sevanavank, da dove si ammira un paesaggio molto suggestivo. Giro in barca sul lago. Pernottamento in parcheggio.

Proseguiamo in direzione della regione di Yeghegnadzor. Sosta al villaggio di Noraduz, dove visitiamo il suggestivo cimitero con centinaia di Khatchqar (antiche croci di pietra) ed altri monumenti funebri decorati con interessantissimi bassorilievi. Raggiunto il passo di Selim (2.410 mt s.l.m.) visitiamo il Caravanserraglio costruito nel 1332 dal principe Orbelyan. Continuando attraverso la regione la regione di Syuniq, la più meridionale dell’Armenia, visitiamo a Sissyan il sito archeologico dell’antichissimo osservatorio astronomico di Qarahunj (IV-III sec. A.C.), la Stonehenge d’Armenia. Al termine ci trasferiamo a Goris. Pernottamento in parcheggio.

Raggiungiamo in minibus le grotte di Khndzoresk, dal fascino unico e dalla bellezza naturale del luogo. Le grotte furono scavate dall’uomo e risalgono al primo millennio a.C. Discesa facoltativa nella gola: percorrendo un sentiero non molto impegnativo e, attraversando il ponte sospeso di Khndzoresk, si possono visitare alcune grotte da vicino. Successivamente raggiungiamo il villaggio di Tatev attraverso la spettacolare gola del fiume Vorotan per visitare il complesso monastico del IX-XII sec., uno dei centri accademici più importanti dell’Armenia medievale. Pranzo a casa di un contadino locale. Per il ritorno prendiamo la funivia detta Ali di Tatev, entrata nei Guiness dei primati come la funivia più lunga del mondo (5,7 km). per ammirare la gola di Vorotan anche dall’alto. Pernottamento in parcheggio.

Attraversiamo la regione di Vayotz Dzor e percorriamo un canyon di 8 km che ci porta al Monastero di Noravank (IX-XIV sec.) per la visita in una cornice naturalistica veramente unica. Ci si fermiamo poi nei pressi del Monte Ararat (5.165 m slm), la montagna biblica dell’arca di Noè, per la visita al Monastero di Khor Virap (IV-XVI sec.), il luogo di prigionia di San Gregorio Armeno detto l’Illuminatore, visitato nel 2001 anche da Papa Giovanni Paolo II. Pernottamento in parcheggio.

Visitiamo il Monastero semirupestre di Geghard, del IV sec., per metà scavato nella roccia e il Tempio pagano di Garni, unico esempio di cultura ellenistica in Armenia. Arrivo a Yerevan. Pernottamento in parcheggio.

Intera giornata con bus riservato. Tra le visite principali la Statua della Madre Armenia, il Parlamento, l’Accademia Nazionale delle Scienze, la Casa-Museo del grande regista Serghei Paradjanov, amico di Fellini e Pasolini e il nuovo Museo d’Arte Contemporanea (detto Cascade), completamente realizzato in travertino locale. Esposte si trovano varie opere di Botero, una collezione bellissima di opere in vetro e la più grande opera d’arte al mondo realizzata con i cristalli Swarovsky. Si prosegue con le visite al bazar della frutta “Shuka” e al Vernissage, un mercato dell’artigianato all’aperto dove si trovano prodotti tipici locali tra cui bambole tradizionali, pentole in ottone, ceramiche e manufatti in legno. Nel pomeriggio è prevista la visita visita del Museo Storico d’Armenia e al Tsitsernakaberd, il memoriale e museo delle vittime del Genocidio dedicato al milione e mezzo di vittime della campagna genocida turca del 1915. Pernottamento in parcheggio. Pernottamento in parcheggio.

Giornata dedicata alla visita dei dintorni della capitale. Effettuiamo la prima sosta a Echmiadzin, il più importante luogo sacro d’Armenia e sede del Patriarcato del Katolikos. Visitiamo la Cattedrale di Echmiadzin e l’esposizione dei Khatckqar (le famose croci armene). Proseguiamo fino alle rovine della suggestiva Cattedrale di Zvartnoz (VII sec.) e successivamente per Sardarapat dove visitiamo il Memoriale dei caduti della Battaglia di Sardarapat del 1918 alla quale dobbiamo l’esistenza della odierna Repubblica d’Armenia. Rientro a Yerevan. Pernottamento in parcheggio.

Raggiungiamo il vicino al Monte Aragats e visitiamo il Monastero di Saghmossavank (XIII sec.), chiamato anche il monastero dei salmi. Pernottamento in parcheggio a Gyumrì.

Trasferimento per la frontiera, svolgimento delle pratiche doganali per l’uscita dall’Armenia. Incontro con la guida georgiana e ingresso in Georgia. Partenza per la regione di Javakheti dove raggiungiamo la città di Vardzia, la città delle grotte. Visita della “città sacra” della regina Tamar, scolpita nella roccia e trasformata in un monastero (XII-XIII sec), si sviluppa su ben 13 livelli, con abitazioni, chiese, cantine e refettori. Pernottamento in parcheggio.

Trasferimento per la frontiera Turca. Lungo il percorso visitiamo la fortezza medioevale di Rabati, la fortezza e il centro storico di Akhaltsikhe. All’interno del complesso del castello ci sono una chiesa, una moschea, un minareto e una sinagoga. Svolte le formalità doganali, proseguiamo in direzione di Ani. Pernottamento in parcheggio privato con servizi.

Visita della “città fantasma” custode degli imponenti bastioni eretti alla fine del X secolo per la difesa della città, che racchiudono caravanserragli, chiese e moschee. Nel pomeriggio ci trasferiamo a Erzurum. Breve passeggiata e visita facoltativa della fortezza. Pernottamento in parcheggio.

Giornata di trasferimento. Pernottamento libero.

In mattinata possibilità di visitare Amasya, con il suo susseguirsi di antiche casette bianche, il fiume che l’attraversa e le tombe rupestri scavate nella ripida parete di roccia che la sovrasta. Dopo pranzo, partenza verso Bolu e pernottamento in parcheggio.

2 giornate di trasferimento su percorso prevalentemente autostradale. 1 Pernottamento libero. Imbarco e partenza per l’Italia in tarda serata del 32° giorno. Pernottamento a bordo in cabina doppia interna di 1°classe con servizi.

Arrivo ad Ancona alle ore 14:00 o a Bari alle ore 8:00 circa. Rientro libero.

Quote di partecipazione

Le iscrizioni si chiudono 45 giorni prima della partenza o ad esaurimento posti. Numero min/max di equipaggi ammessi 6/12.
1 persona adulta e un camper < 6 mt (incluso traghetto a/r): euro 2.890,00
2 persone adulte e un camper< 6 mt (incluso traghetto a/r): euro 3.450,00
Persona aggiunta (incluso traghetto a/r): euro 890,00
Supplemento traghetto a/r camper da 6 a 8 mt: euro 140,00
Quota d’iscrizione e assicurazione per persona: euro 65,00

ISCRIVITI PRIMA E RISPARMIA: Il Tropico Del Camper ti offre la quota di iscrizione, la polizza sanitaria e l’assicurazione annullamento viaggio in omaggio!
Ai soci tesserati delle organizzazioni elencate nella pagina delle convenzioni del nostro sito (da segnalare al momento dell’adesione o non sarà più possibile usufruire dello sconto), a tutti coloro che hanno già viaggiato con noi e a coloro che effettuano la prenotazione ad un viaggio in camper con almeno 90 giorni di anticipo rispetto alla data di partenza, verrà offerta in omaggio la quota di iscrizione, la polizza sanitaria e la polizza annullamento viaggio.

Assicurazioni in viaggio

Partecipando ai viaggi de Il Tropico del Camper siete protetti da una copertura assicurativa del gruppo AXA DD30 che garantisce: spese mediche in viaggio fino a 30.000 € a pax, rinuncia al viaggio, assistenza in viaggio 24 ore su 24, rientro sanitario, rientro anticipato, invio medicinali urgenti, furto, scippo rapina o danneggiamento di bagagli, ecc. Vi preghiamo di leggere attentamente le clausole nell’opuscolo allegato, visibili e scaricabili anche sul nostro sito alla sezione Assicurazioni in Viaggio.

E’ possibile integrare la polizza DD30 per rinuncia al viaggio con la polizza TRIPY ANNULLAMENTO.
Annullamento All Risks: permette di annullare il viaggio per qualsiasi motivo oggettivamente documentabile. Nessun limite di età, malattie preesistenti incluse.
Annullamento Light: la nuova formula che permette di annullare il viaggio oltre che per le classiche motivazioni indicate in polizza anche a seguito di revoca ferie. Nessun limite di età, malattie preesistenti escluse.
PREZZI SU RICHIESTA – Il costo varia in base alla destinazione, al periodo in cui viene stipulata e all’età dei partecipanti. Per ricevere il preventivo è necessario inviare la scheda di preadesione con i vostri dati.

La quota comprende

  • Traghetto Ancona – Igoumenitsa A/R in cabina doppia interna di 1° classe con servizi e un camper < 6 mt

  • Sconto 30% sui pasti in nave

  • Incaricato tecnico dell’agenzia per tutto il viaggio con mezzo proprio

  • Guida di lingua italiana per tutto il percorso in Georgia e Armenia

  • 2 pernottamenti in parcheggio a Batumi con possibile carico/scarico acqua

  • 2 pernottamenti in parcheggio a Mestia con possibile carico acqua ed elettricità

  • 2 pernottamenti in parcheggio a Kutaisi con possibile carico/scarico acqua

  • 1 pernottamento in parcheggio a Uplistskhe con possibile carico/scarico acqua ed elettricità

  • 1 pernottamento in parcheggio a Stepantsminda con possibile carico acqua ed elettricità

  • 2 pernottamenti in parcheggio a Tblisi

  • 1 pernottamento in parcheggio a Bodbe con possibile carico acqua ed elettricità

  • 1 pernottamento in parcheggio a Vardzia

  • 1 pernottamento in parcheggio a Haghpat

  • 1 pernottamento in parcheggio a Sevan

  • 2 pernottamenti in parcheggio a Goris

  • 1 pernottamento in parcheggio a Geghard

  • 3 pernottamenti in parcheggio a Yerevan

  • 1 pernottamento in parcheggio a Giumrì

  • 1 pernottamento in area di sosta ad Ani

  • Ingresso al Monastero di Sumela

  • BATUMI: Biglietti A/R Mezzi Pubblici, statua di Medea, statua di Alì e Nino, torre dell’alfabeto georgiano, fontana del Nettuno, quartiere vecchio, porto, Fortezza di Gonio, giardino botanico.

  • MESTIA: casa/torre Maciubi, Museo Etnografico

  • USHGULI: chiesa di Lamaria, pranzo presso una famiglia locale

  • MESTIA-USHGULI: trasferimento in 4×4

  • KUTAISI: Monastero di Gelati, Cattedrale di Bagrati, Chiesa di Motsameta.

  • GORI: 1 giornata in Bus/Minibus riservato, Museo Stalin

  • UPLISTSKHE: città troglodita

  • MTSKHETA: Monastero di Jvari, Cattedrale di Svetitskhoveli, scavi archeologici (palazzi, bagni, tombe a.C.)

  • ANANURI: complesso di Ananuri (Castello, Chiesa)

  • STEPANTSMINDA: trasferimento in 4×4 a chiesa di Tsminda Sameba, chiesa di Tsminda Sameba, Museo Etnografico, Casa Natale di Alexander Kazbegi

  • TBLISI: Chiesa di Metheki, Terme, Fortezza di Narikala, Basilica di Anciskhati, Cattedrale di Sioni, Matsminda, Cattedrale Sameba, cena con spettacolo folkloristico..

  • DAVID GAREJA: Monastero Lavra, Udabno Grotte monasteri

  • VARDZIA: città Sacra delle Grotte

  • AKHALTSIKHE: Castello di Rabati

  • AKHTALA’: Chiesa della Madonna, Monastero di Haghpat, Monastero di Sanahin, Museo dei fratelli Mikoyan

  • DILIJAN: Monastero di Haghartzin, Monastero di Goshavank

  • SEVAN: Monastero di Sevanavank, escursione in barca sul lago

  • NORADUZ: Cimitero di Noraduz

  • SELIM: Caravanserraglio

  • SISSYAN: Qarahunj sito archeologico

  • KHNDZORESK: Grotte di Khndzoresk, pranzo presso una famiglia locale.

  • TATEV: Complesso Monastico, Funivia Alì Tatev

  • NORAVANK: Monastero di Noravank

  • KHOR VIRAP: Monastero di Khor Virap

  • GEGHARD: Monastero di Geghard, Tempio pagano di Garnì

  • YEREVAN: 1 giornata in Bus/Minibus riservato, Casa Museo Serghei Paradjanov, Museo Cascade, Statua della Madre Armenia, Accademia Nazionale delle Scienze, Vernissage mercatino dell’artigianato, Bazar Shuka, Monumento del Genocidio

  • ECHMIADZIN: Cattedrale di Echmiadzin

  • ZVARTNOTZ: Cattedrale di Zvartnotz

  • SARDARAPAT: Memoriale dei Caduti

  • SAGHMOSAVANK: Monastero di Saghmosavank

  • ANI: sito archeologico di Ani

La quota non comprende

  • Parcheggi o campeggi quando indicato “pernottamento libero”

  • Attrazioni turistiche e culturali eccedenti quelli riportati nel paragrafo “La quota comprende”

  • Eventuali escursioni con mezzi locali eccedenti quelli riportati alla voce “La quota comprende”

  • Pedaggi autostradali e tasse di transito in genere

  • Assicurazione RC in Georgia circa 30,00 euro e Armenia da 20,00 a 30,00 euro circa.

  • Eventuali pasti consumati in ristoranti non in programma

  • Le mance e tutto ciò che non è specificato nella voce “La quota comprende”

Desideri maggiori informazioni? Contattaci!





Per richiedere maggiori sul programma e/o aderire al viaggio, compila il modulo di contatto.

Oppure contattaci via mail all’indirizzo
camper@iltropicodelcamper.it

O chiamaci ai numeri
338 8724789 (Michele)
051 4127573 (dalle 9:00 alle 13:00)

2018-11-15T09:46:58+00:00